Chi sono

Effettivamente me lo sono chiesto per tanti anni. La Fede e mio marito mi hanno aiutato a trovare una risposta. Per fortuna è una risposta che mi piace.

Perché Viviana del Lago. È un personaggio del ciclo arturiano, conosciuta anche come la Dama del Lago. È una maga, anche un po’ fata, quindi è un personaggio “teologicamente scorretto”. A mia difesa devo dire che non mi attrae per il gusto di sfidare la Fede (o la Gerarchia, il Vaticano…) come piace a tanti. Non rientra nel mio carattere.

Viviana mi piace perché in realtà è molto umana. Vorrebbe fare il bene, ma non sempre le riesce. Ama, ma non sa amare. Fa delle scelte, ma non può vedere dove la porteranno e, ma non per colpa sua, le conseguenze di queste scelte non saranno sempre buone.

La Dama del Lago compare quando dona ad Artù la spada Excalibur di cui è custode. Merlino accompagna Artù al lago (che lui stesso ha creato come un’illusione per proteggere il castello della sua amata da sguardi indiscreti). Una mano che impugna una spada esce dalle acque e, dietro di essa, cammina leggera Viviana.

Nel secondo episodio che la vede protagonista Viviana chiede a re Artù di bandire dalla sua corte sir Balain, colpevole a suo dire, di perseguitarla ingiustamente. Sir Balain vedrà una morte tragica, ma Viviana sembra non considerarsi responsabile della morte del cavaliere.

Nel frattempo Viviana presenta a corte un giovane che lei ha allevato dopo che il padre, re Ban, è stato ucciso. Il bello è che Viviana vede la regina Elena, la madre di Lancillotto, presso il suo lago, con il bambino in braccio, in fuga e piangente per la morte del marito e cosa fa? Le rapisce il bambino! Probabilmente nella sua testa voleva proteggerlo e dargli un futuro migliore, ma ai nostri occhi non c’è crudeltà peggiore che togliere un bambino a sua madre. La regina Elena, convinta di aver perso tutto, si ritirò in convento.

Cosa fece Lancillotto (del Lago, ricordiamolo!) una volta alla corte di re Artù è cosa nota…

Altro episodio che vede protagonista Viviana è l’imprigionamento di Merlino. Non contenta di avergli estorto tutto il suo sapere, gelosa di lui, lo chiude in un palazzo di vetro, dove dorme un sonno incantato. Si dice che un giorno si sveglierà.

Viviana, imprigionato Merlino, va a prendere il suo posto alla corte di re Artù, ma questo porterà solo alla sua disfatta e alla morte del re, con conseguente fine dei Cavalieri della Tavola Rotonda (c’è da dire che molta della colpa va a Morgana e a Mordred…, ma Viviana, poiché non era all’altezza di Merlino, ha dato il suo contributo).

Artù morente dopo la battaglia di Camlann chiese a sir Bedivere di riportare la spada alla Dama del Lago. Quando il cavaliere raccontò di aver gettato la spada nel lago e di aver visto una mano spuntare dalle acque e afferrarla al volo, Artù sorrise. A quel punto arrivò una barca sulla quale vi era un gruppo di dame, tra cui Morgana (!) e Viviana che portano Artù ad Avalon, da dove un giorno Artù tornerà.

Anni fa andai a visitare la Bretagna. Vidi la foresta di Paimpoint, l’albero d’oro e la fontana di Barenton, nonché una improbabile chiesa del Santo Graal… Ovviamente non vi si deve aspettare chissà che, si tratta però di posti comunque belli da vedere.

Annunci

1 risposta a “Chi sono”

  1. L’uomo ha bisogno di sognare un mondo magico, dove potersi
    rifugiare nei momenti più bui.

    Ciao e biona domenica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...