Tag

«Delle sostanze  che si trovano nella natura, le une sono ingenerate e immortali per tutti i secoli, le altre partecipa|no della nascita e della morte. Accade ora che noi abbiamo minori nozioni di quelle prime realtà venerande e divine per favore delle quali abbiamo avuto la stessa facoltà d’indagare… A proposito invece delle realtà corruttibili, vegetali e animali, noi abbiamo maggiori possibilità di conoscenza perché viviamo e cresciamo con esse: ognuno infatti può acquistare molte nozioni a proposito di ciascuna di tali specie viventi purché si accinga attorno con tutto l’impegno. In verità entrambe le conoscenze hanno la loro attrattiva. Se attingiamo tuttavia anche per poco e solo probabilmente quelle superiori realtà questa conoscenza per la sua intrinseca dignità ci è più cara di quella di tutto il mondo che ci sta attorno, allo stesso modo di quando capita di scorgere anche una piccola parte della persona diletta, ciò riesce più dolce che la precisa nozione di molte altre cose anche più importanti»

Aristotele, De Part. Anim., A, 5, 644 b, 22 ss.

Annunci